RISCHI DI INIBITORI DELLA POMPA PROTONICA

L'  uso di un inibitore della pompa protonica (PPI) dopo l'eradicazione di Helicobacter pylori ha più che raddoppiato il rischio di cancro gastrico, secondo uno studio di Hong Kong basato sulla popolazione.

La tendenza "chiara dose-risposta e tempo-risposta" nell'uso di PPI e il rischio di cancro gastrico osservati suggerisce la necessità di "cautela nel prescrivere PPI a lungo termine a questi pazienti anche dopo il successo dell'eradicazione di H. pylori " , scrivono Wai Keung Leung, MBChB, MD, dal Queen Mary Hospital, Hong Kong e colleghi.

Lo studio è stato pubblicato online il 31 ottobre a Gut.

I ricercatori sottolineano, tuttavia, che questo era uno studio osservazionale, che non può provare causa ed effetto.

I nuovi risultati sono anche in conflitto con uno studio di follow-up commissionato da US Food and Drug Administration, condotto da Pantoprazolo, secondo David A. Johnson, direttore della gastroenterologia presso la Eastern Virginia Medical School di Norfolk ( Aliment Pharmacol Ther . 2016; 43: 73-82 ).

"Nessun aumento del rischio [per il cancro gastrico] è stato osservato con prolungata esposizione PPI", ha detto.

Il dottor Johnson, a cui è stato chiesto un commento, ha anche dichiarato che lo studio ha un "orientamento geografico" perché è di Hong Kong e "i rischi specifici per il cancro gastrico sono ben riconosciuti nei pazienti asiatici".

Nel nuovo studio, il dott. Leung e colleghi si sono in parte concentrati sull'infezione da H pylori e sulla sua relazione con il cancro gastrico.

E 'stato dimostrato che l' eradicazione del pyloririduce il rischio di cancro gastrico dal 33% al 47%, ma molti pazienti sviluppano il cancro gastrico anche dopo l'eradicazione dell'H pylori. La terapia con PPI, "sebbene generalmente considerata sicura", è associata a peggioramento dell'atrofia gastrica, in particolare nei pazienti con infezione da H pylori, sottolineano i ricercatori. Una recente meta-analisi ha rilevato un aumento del 43% del rischio di cancro gastrico tra gli utilizzatori di PPI a lungo termine, ma non è stato possibile aggiustare l'H pylori, il principale fattore di confusione.

Utilizzando un database sanitario a livello territoriale a Hong Kong, il dott. Leung e colleghi hanno confrontato il rischio di cancro gastrico negli utilizzatori di PPI e gli antagonisti del recettore dell'istamina 2 (H2RA) tra 63.397 adulti trattati con successo con un ciclo di terapia tripla di 7 giorni per sradicare H pylori tra il 2003 e il 2012.

"Gli IPP sono molto più potenti di H2RA in termini di soppressione dell'acido gastrico, e studi precedenti non hanno rivelato alcuna associazione tra lo sviluppo del cancro gastrico e H2RA, quindi H2RA è stata selezionata come esposizione al controllo negativo nel nostro studio", spiegano i ricercatori.

Durante un follow-up mediano di 7,6 anni, 153 persone (0,24%) hanno sviluppato un cancro gastrico dopo terapia di eradicazione dell'H pylori , per lo più in regioni non cardiache (62%). Nessuno dei pazienti con carcinoma gastrico è risultato positivo alla diagnosi per H pylori , ma tutti avevano una gastrite di lunga durata. L'età media alla diagnosi del cancro era di 71,4 anni e il tempo mediano tra l' eradicazione dell'H pylori e il cancro gastrico era di 4,9 anni.

Dopo aggiustamento del punteggio di propensione, le persone che assumevano PPI almeno settimanalmente avevano un rischio maggiore di raddoppiare il rischio di sviluppo del cancro gastrico (hazard ratio [HR], 2,44, intervallo di confidenza al 95% [CI], 1,42 - 4,20). La differenza di rischio assoluto aggiustata per il punteggio di propensione tra uso di PPI e uso non PPI è stata di 4,29 casi di cancro gastrico in eccesso per 10.000 anni-persona.

Gli utenti di H2RA non hanno aumentato il rischio (HR, 0,72, IC 95%, 0,48-1,07), che "supporta ulteriormente il ruolo specifico degli IPP sullo sviluppo del cancro gastrico", affermano i ricercatori.
Dopo stratificazione per sito di tumore, l'uso di PPI era solo significativamente associato ad un aumentato rischio di carcinoma gastrico noncardia (HR, 2,59, IC 95%, 1,42- 4,72) ma non di carcinoma del cardias (HR, 1,97, IC 95%, 0,57 - 6,82) ; "anche se questo risultato dovrebbe essere interpretato con cautela in quanto questa analisi di sottogruppi ha un numero relativamente piccolo di tumori del cardias", dicono i ricercatori.

Il rischio di cancro gastrico è aumentato con una maggiore durata dell'uso di PPI. L'HR era 5,04 (IC 95%, 1,23 - 20,61) per 1 anno di utilizzo o più lungo, 6,65 (IC 95%, 1,62 - 27,26) per 2 anni di utilizzo o più e 8,34 (IC 95%, 2,02 - 34,41) per 3 anni o più.

Un uso più frequente era anche associato a un rischio maggiore. Se confrontato con il gruppo di riferimento (meno dell'uso settimanale), il rischio di cancro gastrico aumenta progressivamente con l'uso più frequente di PPI. L'HR era 2,43 (IC 95%, 1,37 - 4,31) per uso settimanale o inferiore a quello giornaliero, aumentando a 4,55 (IC 95%, 1,12 - 18,52) per l'uso quotidiano di PPI.

I risultati sono rimasti significativi da varie analisi di sensibilità.

Un punto di forza dello studio è l'uso di dati da un ampio database basato sulla popolazione con informazioni complete sulle diagnosi successive e sulle prescrizioni di farmaci, che minimizzano la selezione, le informazioni e le distorsioni di richiamo, dicono i ricercatori. L'uso di rigorosi criteri di esclusione e l'aggiustamento del punteggio di propensione al controllo di potenziali fattori confondenti e la limitazione del campione a pazienti con successo con l' eradicazione dell'H pylori sono altri punti di forza.

In termini di debolezze dello studio, i ricercatori non hanno ricevuto informazioni su alcuni fattori di rischio, quali dieta, storia familiare e stato socioeconomico. E nonostante l'ampio campione di oltre 63.000 pazienti con infezione da pylori , il piccolo numero di casi di cancro gastrico non ha permesso alcuna "valutazione significativa dell'effetto del dosaggio e del ruolo di diversi PPI", dicono i ricercatori.

Il team rileva inoltre che gli utenti PPI possono avere una maggiore probabilità di sottoporsi a endoscopia rispetto agli utenti non-PPI, portando alla scoperta di più tumori gastrici a causa di bias di sorveglianza.

Il Dott. Johnson ha detto che c'è un'altra debolezza nello studio: le variabili demografiche "importanti" che sono fattori di rischio per il cancro gastrico - come il fumo, l'uso di alcool, l'obesità, la dieta e la storia familiare - non vengono prese in considerazione.

Ha anche fatto un'osservazione generale sulla ricerca correlata all'IPP: "La maggior parte degli studi ha mostrato che qualsiasi potenziale effetto degli IPP tende a scomparire con il tempo e che la spiegazione più probabile degli effetti è confusa per indicazione piuttosto che causalità."

Nonostante queste limitazioni, il dott. Leung e colleghi scrivono che, a loro conoscenza, "questo è il primo studio a dimostrare che l'uso di PPI a lungo termine, anche dopo la terapia di eradicazione di H. pylori , è ancora associato ad un aumentato rischio di cancro gastrico. è probabilmente correlato alla soppressione acida profonda degli IPP che peggiora la gastrite atrofica, in particolare in quei pazienti con atrofia gastrica consolidata a seguito di infiammazione cronica indotta da H. pylori . "

NOTA DELL'EDITORE: La storia è stata aggiornata per includere i commenti di un esperto non coinvolto nello studio.

Lo studio non ha avuto finanziamenti specifici. Il dott. Leung ha ricevuto un onorario per aver partecipato alle riunioni del comitato consultivo dei laboratori Takeda e Abbott. Dr Johnson ha o ha avuto legami finanziari con Pfizer Inc, che produce un PPI; Epigenomics; WebMD; CRH medico; e Medtronic.

Gut . Pubblicato online il 31 ottobre 2017. Abstract

Segui Medscape Oncology su Twitter: @MedscapeOnc

Medscape Medical News © 2017

Citare questo articolo: PPI a lungo termine Uso legato al rischio raddoppiato per il cancro gastrico -  Medscape  - 31 ottobre 2017.

Commenti

Post comment as...

Commenting is limited to medical professionals. To comment please Log-in.

Dott. Felipe mota5 giorni fa

A lungo noto

Piace

Lawan Ajimi16 novembre 2017

Vago quale farmaco è molto sicuro per curare l'ulcera gastrica la confusione è che hanno detto che il PPI è molto sicuro e circa il 95% può curare l'ulcera, ma dopotutto ora i ricercatori dicono che possono causare il cancro e H2RA è più sicuro ma che dire di quelli che non prendono entrambi, ma tendono a controllare l'ulcera attraverso il controllo della dieta mentre sono non fumatori o alcolizzati

Piace

Dr. Richard gratuito5 nov 2017
Penso che manchi la foresta per gli alberi ... TUTTI gli antiacidi ... bicarbonato, antistaminici e PPI (e l'ureasi che producono h pylori) portano ad un aumento della produzione di GASTRIN antrale e alla sua crescita promuovendo effetti trofici "pro-proliferazione" su gastrico cellule pancreatiche ... accoppiato con fattori di virulenza di hpylori cag positivo nel cancro gastrico e cag negativo nel cancro del pancreas ... e gastrite infiammatoria cronica e pancreatite cronica che sintomaticamente possono essere simili ... e la disponibilità OTC di tutti gli antiacidi ora e pre -1980 prima che antistaminici e hpylori fossero clinicamente apprezzati ... inoltre il peso cancerogeno del cadmio derivante dal tabacco di prima e seconda mano e l'inquinamento atmosferico derivante dalla combustione di combustibili fossili e un tempo di ritenzione biologica di 20-30 anni ... e il moderno avvento dell'aumento della sopravvivenza da altri tumori,malattie cardiovascolari e infettive ... SIAMO, in un certo senso, vittima del nostro successo ...
Il cancro gastrico e il cancro al pancreas condividono le caratteristiche di una biologia simile ... ma hanno anche caratteristiche distinte

Suggerisco a chiunque di interrompere gli IPP dopo un uso prolungato che sperimenta un rimbalzo dell'ipergastrinemia in avanti ... è COMUNE .... i più recenti PPI più potenti sono i più difficili da ottenere per questo motivo ... PPI più grandi di antistaminici superiori al bicarbonato di sodio tutti stimolano la gastrina ma differiscono nella quantità e nella durata ... antral hpylori si diffonde per la produzione di ureasi e la gastrinemia riflessa fa parte del ciclo di feedback.

Suggerisco che l'antrectomia distale della procedura di Whipple possa in parte contribuire alla sua efficacia nel cancro del pancreas in aggiunta al debunking del carico del carcinoma del pancreas rimuovendo la fonte di gastrina .... Suggerisco che i preparati di creon rivestiti in assenza del Whipple può anche essere un problema perché richiedono PPI e ancora più stimoli trofici gastrinici riflessi ... è il momento di considerare l'antrettività per il trattamento palliativo del tumore al pancreas avanzato? .... I sopravvissuti alla sesta decade del IX saranno soprattutto essere colpiti

1 mi piace

Dr. Tareq BurganNov 5, 2017

Anche se i PP causano o no il CANCRO GASTRICO, questo è dubbio, ma hanno molti altri effetti collaterali seri che sono ben noti per ogni corpo (spero), quindi è consigliabile utilizzarli per il minor tempo possibile, e

È più saggio usare H2RA invece quando è fattibile.

Commenti

Post più popolari