La tua pelle merita di meglio

La tua pelle merita di meglio


C'è qualcosa che fai ogni giorno che può creare problemi alla tua pelle. Per te, il tuo problema di pelle può essere chiamato psoriasi, eczema, rosacea o acne, ma per la tua pelle è una reazione infiammatoria, e la fonte di tale infiammazione può essere molto probabilmente i cibi che stai mettendo in bocca, nel tuo digestivo sistema.
L'infiammazione sistemica e molte comuni malattie della pelle possono essere il risultato o essere aggravate dagli alimenti che mangiamo e dallo stile di vita che scegliamo di seguire. Un problema è stato a lungo il modo di decidere - di tutti i diversi alimenti che si mangia - quali uno o più causa l'infiammazione cronica e le eruzioni cutanee.
L'adozione di una dieta a base di vegetali, come promossa nel libro il miracolo della disintossicazione del Dottor Morse , è il primo passo fondamentale per invertire l'infiammazione sistemica. Una dieta senza glutine e / o senza caseina, cioè quella che elimina gli alimenti dalla tribù del grano e dai latticini, può anche offrire benefici antinfiammatori sistemici a chi ha una malattia cronica della pelle.
Scoprire le allergie e le intolleranze alimentari rappresenta una sfida. I test diagnostici possono essere costosi, inaffidabili e difficili da interpretare. L'opzione più efficace e conveniente è rimuovere rigorosamente i cibi sospetti dalla dieta e osservare i cambiamenti.

La differenza tra allergie e intolleranze

Mentre nei circoli medici vi è accordo sul fatto che le allergie alimentari esistono, c'è un tremendo dibattito nella comunità medica su ciò che costituisce una vera allergia alimentare.
Questo in parte perché ciò che accade nel corpo quando ha una reazione avversa a un cibo che stai mangiando può diventare molto complicato. È utile tenere a mente che a volte la reazione del corpo è immediata ea volte è ritardata, ea volte il corpo "impara" e può anche "disimparare" - rispondere ai sottocomponenti presenti negli alimenti che mangi.
Dal punto di vista medico funzionale, le reazioni alimentari possono essere classificate in uno dei tre modi fondamentali:
  • allergia al cibo
  • intolleranza alimentare
  • sensibilità alimentare
L'importante è trovare un modo per scoprire le allergie alimentari, le intolleranze e le sensibilità, in quanto tali informazioni possono essere la chiave per chiarire la condizione della pelle. Ma una dieta corretta è molto più che identificare e eliminare le allergie e le intolleranze alimentari sospette o verificate; sta mangiando bene, ogni giorno, al meglio delle tue capacità, oltre a evitare quelle cose che spingono il tuo sistema immunitario al punto critico.
Allergia al cibo. Il primo tipo di reazione alimentare è un'allergia alimentare. In un'allergia alimentare, il tuo corpo risponde a un allergene presente nel cibo che stai mangiando come se fosse una sostanza estranea, e il sistema immunitario monta un attacco contro quell'allergene.
Gran parte di questa risposta coinvolge componenti del sistema immunitario del corpo chiamate immunoglobuline . In particolare, la produzione del tipo "E" di immunoglobulina, o IgE , causa la risposta allergenica più estrema. La forma più grave di questo tipo di allergia alimentare si verifica quando si sviluppa una reazione anafilattica Due dei cibi che sentiamo spesso causare anafilassi sono arachidi e molluschi. Questo tipo di reazione può produrre alveari, difficoltà di respirazione e persino shock e morte.
Un altro tipo di allergia alimentare si verifica meno drammatico di una reazione IgE e più lento a svilupparsi. Queste reazioni possono produrre starnuti, mal di testa e naso gocciolante e sono causate da un'altra immunoglobulina, chiamata IgG .
Le allergie alimentari più comuni sono le proteine ​​trovate in uova, frutti di mare, latticini, crostacei, soia, grano, noci e noccioline.
Intolleranza alimentare. Le intolleranze alimentari sono diverse dalle allergie alimentari in quanto non invocano necessariamente una risposta immunitaria immediata a una proteina presente nel cibo. Invece, possono derivare da un'innata o acquisita incapacità di digerire un particolare componente di un alimento. Il classico esempio di intolleranza alimentare è l'intolleranza al lattosio , in cui l'organismo non produce l'enzima lattasi e non può scomporre, digerire o utilizzare lo zucchero presente nei prodotti caseari.
Molte intolleranze alimentari sono di origine metabolica o genetica, come la carenza enzimatica dell'intolleranza al lattosio. Molte volte ammontano a qualcosa di più della mancanza di un enzima, però. Possono essere transitori in natura, svilupparsi nel tempo ma a volte anche risolversi, a seconda di quali altri oneri il corpo sta trasportando. E mentre il sistema immunitario non può entrare in gioco immediato in questi tipi di reazioni, se l'esposizione al cibo provocatorio continua, le intolleranze alimentari invocheranno l'infiammazione e disturberanno la funzione immunitaria. Possono anche generare tutti i problemi a valle che vanno di pari passo con l'infiammazione e la disfunzione immunitaria.
Ancora una volta, nella comunità medica c'è molta controversia su ciò che costituisce un'intolleranza alimentare. Un'intolleranza alimentare può essere considerata con qualche sospetto come diagnosi dalla maggior parte dei medici. La maggior parte sarebbe d'accordo sul fatto che esiste una cosa come l'intolleranza alimentare, ma sosterrebbero che essa riguarda relativamente poche persone.
Sensibilità alimentare Questo terzo tipo di reazione principale è grande: sei sensibile a qualcosa dentro o sul cibo. Una sensibilità può produrre una miriade di sintomi spiacevoli o spiacevoli e può, ancora una volta, essere qualcosa che sorge e persiste o si risolve nel tempo. Puoi essere sensibile a quasi tutto ciò che riguarda un alimento, soprattutto oggigiorno, con la nostra catena alimentare industriale, ma queste sono le due principali categorie di sensibilità alimentare:
  • Farmacologica. Questo tipo di reazione è il risultato di composti naturali presenti negli alimenti (come ammine, salicilati, glutammati) o conservanti, emulsionanti, coloranti e altri additivi alimentari. Questi composti possono creare una reazione simile a un effetto collaterale della droga in persone che sono sensibili a queste sostanze chimiche.
  • Tossico. Una reazione tossica può essere dovuta a varie forme di contaminazione del cibo, tra cui tossine trovate in erbicidi, fungicidi e pesticidi; batteri (o qualche altro organismo) che contaminano il cibo; o anche il risultato di tossine prodotte da batteri nell'intestino.

Dal punto di vista del tuo corpo e della tua pelle, non importa se hai un'allergia alimentare, o un'intolleranza al cibo o una sensibilità al cibo - il risultato finale è lo stesso: l'infiammazione. A volte, o talvolta nel tempo, anche le eruzioni cutanee diventano un problema; tuttavia, molte persone con allergie alimentari, intolleranze alimentari e sensibilità alimentare non presentano problemi cutanei sintomatici o eruzioni cutanee.
Una serie di altri sintomi, oltre alle condizioni della pelle, possono farti accorgere che hai a che fare con un'allergia, intolleranza o sensibilità alimentare. Questi possono includere mal di testa, acne, asma, diarrea, dolori articolari, congestione sinusale, affaticamento e persino depressione e ansia. Potresti anche provare stitichezza, stipsi fluttuanti / feci molli, iperattività, insonnia, auto-limitazione di particolari alimenti, infezioni dell'orecchio o disfunzione cognitiva, incluso il pensiero confuso e la perdita di memoria. Oltre 300 sintomi sono associati con l'intolleranza al glutine da solo!

Molti percorsi per scoprire le allergie

Scoprire quali cibi sei allergico a può essere difficile, costoso e inaffidabile. Esistono tecniche mediche per determinare le allergie alimentari e rientrano in due categorie generali: sfida e test immunologici . Poiché possono essere contemporaneamente costosi e spesso inaffidabili, il "test" più economico ed efficace è una dieta di eliminazione.
Prova di sfida In un challenge test, una piccola porzione del sospetto allergene viene testata iniettando o graffiando nella pelle:
  • Prick test cutaneo. I potenziali allergeni vengono testati graffiandoli nella pelle. Di solito il paziente deve attendere 24 ore per tornare, momento in cui la reazione viene rilevata per dimensioni e gravità.
  • Test intradermico Questo tipo di test è simile al test della puntura della pelle, solo l'allergene viene iniettato nella pelle.
I test immunologici consistono nel prelievo di sangue, nell'esposizione di porzioni di sangue agli allergeni e quindi nella misurazione della reazione del corpo a quegli allergeni. I tre principali tipi di test di allergia immunologica sono:
  • ELISA : saggio immunoassorbente legato all'enzima
  • RAST : radioallergosorbente
  • ImmunoCAP : test di immunoassay capture
Mentre tutti questi test sono in qualche modo efficaci per la ricerca di allergie alimentari, non fanno nulla per aiutare a scoprire intolleranze e sensibilità alimentari. Se stai cercando di scoprire la radice delle allergie alimentari, così come le intolleranze alimentari e la sensibilità alimentare, c'è un modo per andare: una dieta di eliminazione.

Dieta di eliminazione

Una dieta di eliminazione rimuove gli allergeni alimentari più comuni e gli alimenti problematici, quindi reintroduce metodicamente questi alimenti uno dopo l'altro nella dieta. Questo è il modo migliore per scoprire le allergie alimentari, le intolleranze alimentari e la sensibilità alimentare.
Uno dei motivi per cui una dieta di eliminazione funziona bene è perché implica testare il cibo esattamente come si è abituati a consumarlo ed è, quindi, usare il proprio corpo come misura per ciò che è buono e cosa no. I test ampiamente disponibili oggi sono semplicemente incapaci in questo momento di adeguata accuratezza, perché rimane ancora sconosciuto sulla complessità del sistema immunitario e le sue connessioni con l'intestino.
L'altro vantaggio di una dieta di eliminazione è che aiuta a determinare se i sintomi che hai sono correlati all'alimentazione o eventualmente causati da un altro processo. I sintomi possono iniziare a migliorare entro pochi giorni dall'inizio della dieta di eliminazione se le allergie alimentari o le intolleranze svolgono un ruolo. Se continui a evitare cibi problematici e ad adottare altre misure utili, il tuo corpo avrà la possibilità di guarire. Ma potrebbe volerci un po 'di tempo: è importante capire che possono richiedere fino a 2-5 anni perché l'intestino guarisca dall'intolleranza al glutine, ad esempio ea volte anche 2-5 anni non è abbastanza tempo se hai l'ho mangiato per molti decenni. Per una condizione della pelle come l'eczema o altre eruzioni cutanee come la psoriasi o la rosacea, possono essere necessari molti mesi per un completo recupero.

Come seguire una dieta di eliminazione

Una dieta di eliminazione dura in genere diversi mesi e comporta la rimozione completa di un cibo sospetto dalla dieta. È meglio trascorrere almeno 10 giorni senza cibo che si sta testando prima di reintrodurre il cibo.
Esistono diversi modi per condurre una dieta di eliminazione, ma forniremo due esempi di base: il semplice e il complesso.
Una dieta semplice eliminazione. Questo è probabilmente il miglior punto di partenza se non hai mai provato una dieta ad eliminazione prima. In questo tipo di dieta, devi semplicemente evitare uno o più alimenti che ritieni siano la causa del tuo problema. In genere, le persone hanno più di una allergia, intolleranza o sensibilità, quindi provare un alimento alla volta potrebbe non essere sufficiente.
Uno dei modi più semplici per iniziare è con la rimozione rigorosa del glutine (proteine ​​della tribù del grano) e della caseina (proteine ​​del latte), poiché riteniamo che questi siano i colpevoli più frequenti nei disturbi della pelle. Se altri alimenti specifici sono già altamente sospettati a causa di una storia negativa con loro, quindi rimuovere anche questi altri alimenti. In alternativa, tutti gli allergeni più comuni possono essere rimossi allo stesso tempo, se sospetti che i tuoi problemi coinvolgano allergie vere e più ampie. Questo significa niente uova, frutti di mare, latte, molluschi, soia, grano, noci o noccioline per almeno 10 giorni prima di reintrodurre questi alimenti.
Per riassumere, nella nostra esperienza con DermaHarmony, il glutine e la caseina sono i gruppi alimentari più comuni e dannosi che rendono le risposte di sensibilità all'allergia intolleranza. I test diagnostici forniscono spesso falsi negativi, ritardando o complicando il potenziale recupero. Il glutine e la caseina in alcuni individui provocano il caos sistemico, e gli altri alimenti sono molto meno spesso o addirittura raramente fonti di disturbo sistemico che portano a disturbi della pelle.
Dieta di eliminazione più complessa. Questo tipo di dieta è meglio utilizzato per le persone con gravi reazioni alimentari, o per le persone che hanno molti sintomi o una forma più grave di malattia.
La dieta di eliminazione complessa rimuove quanto segue:
  • Additivi alimentari: inclusi glutammato monosodico (MSG), dolcificanti artificiali, conservanti, aromi artificiali e tutti i coloranti alimentari artificiali.
  • Alcol: inclusi birra, vino e alcolici duri, ma anche cose come estratto di vaniglia, bitter Angostura, collutorio, medicine per la tosse e persino medicinali omeopatici contenenti alcol.
  • Agrumi: arance, mandarini, pompelmi, lime, limoni e altri agrumi.
  • Molluschi: tra cui aragosta, granchio, cozze, vongole, capesante e altri molluschi.
  • Frutta a guscio: noci, compresi anacardi, noci pecan, noci, pistacchi e altri frutti a guscio; così come le arachidi (arachidi).
  • Mais: inclusi olio di mais, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, olio vegetale, chips di mais, popcorn, amido di mais e altri alimenti contenenti mais.
  • Latticini: latte, formaggio, burro, ricotta, siero di latte, yogurt, kefir, panna acida e altri prodotti caseari.
  • Soia: in tutte le sue forme, tra cui proteine ​​di soia strutturate, tofu, tempeh, edamame , salsa di soia e latte di soia.
  • Uova: sia tuorlo che i bianchi.
  • Glutine: una proteina presente naturalmente nei grani della tribù del grano, ma presente anche attraverso la contaminazione in molti altri alimenti. Evitare pasta, farina, pane, cereali, biscotti e altri alimenti a base di glutine. I cereali che contengono glutine contengono grano, kamut, farro, triticale, orzo, segale e talvolta avena.
  • Dolcificanti: miele, sciroppo d'acero, zucchero bianco, zucchero di canna, fruttosio, destrosio, maltosio.
Ora, prima di guardare questa lista e pensare di non poter mai, mai, eliminare tutti questi cibi in una volta, tieni presente che l'elenco è inteso a fornire linee guida, per non essere così travolgente da scappare dall'intera idea basta leggerlo! Pochissime persone riescono a eliminare tutti questi alimenti da soli, e forse dovrebbero tentare di farlo solo sotto la supervisione di un nutrizionista clinico attento o esperto o un professionista della medicina funzionale. Forse, cosa più importante, raramente è necessario fare tutto questo simultaneamente o perfettamente per ottenere progressi.
Le voglie di cibo sono un altro modo per scoprire un'allergia o intolleranza alimentare. Per quanto strano possa sembrare, spesso desideriamo cibi a cui siamo allergici. Cerca la tua dieta e rimuovi tutti gli alimenti che ritieni particolarmente attratti dalla tua dieta di eliminazione.
Gli alimenti che possono essere ammessi includono:
  • Grani: riso e miglio, comprese torte di riso o cracker fatti con cereali accettabili.
  • Sostituti del grano: compresi l'amaranto e la quinoa (spesso erroneamente classificati come grani).
  • Frutta e verdura: la maggior parte di frutta e verdura sono generalmente accettabili ad eccezione degli agrumi e delle fragole. Le insalate sono generalmente scelte eccellenti e consigliamo vivamente verdure a foglia verde scuro. Alcuni individui hanno una risposta infiammatoria alle verdure di belladonna, che includono pomodori, tomatillos, patate, peperoni e melanzane, si consiglia di rimuovere questi (soprattutto se i sintomi includono l'artrite e / o dolore artritico).
  • Fagioli / legumi: tutti vanno bene, tranne che alcune persone possono reagire ai semi di soia. Le allergie alla soia sono rare, tuttavia, e la maggior parte delle persone non ha problemi con la soia. Incoraggiamo occasionalmente l'assunzione di soia biologica praticamente per tutti.
  • Proteine: le carni sono generalmente ok. Sebbene raramente siano una fonte di allergia o intolleranza, sono decisamente pro-infiammatori e pertanto dovrebbero essere minimizzati di routine su una dieta anti-infiammatoria. Le carni lavorate e caricate con sostanze chimiche dovrebbero essere evitate del tutto.

Reintroduzione di alimenti

La chiave per il successo con una dieta di eliminazione è nell'attenta, deliberata reintroduzione degli alimenti. Trascorri 10 o più giorni lontano dalle allergie o intolleranze alimentari e quando reintroduci gli alimenti, diventa molto chiaro se sono un problema per te o meno.
Il modo migliore per reintrodurre un alimento è quello di testare un alimento alla volta, in attesa di vedere se ci sono reazioni. Una reazione può assumere la forma di qualsiasi sintomo, che va dal drenaggio sinusale a gas in eccesso, diarrea, mal di testa, un ritorno di una condizione della pelle, o una reazione allergica più estrema.
Tipicamente, si sceglie il cibo che si desidera maggiormente al momento della reintroduzione, quindi si mangia una porzione di esso, si attende 4 giorni e si osserva . Ripeti ancora due volte. Senza alcuna reazione negativa puoi quindi reintegrare il cibo nella tua dieta, ma solo mangiandolo ogni 3-4 giorni. Procedi in questo modo attraverso tutti gli alimenti che hai evitato finché non hai un gruppo di cibi da evitare e un gruppo di cibi che puoi gustare senza doversi preoccupare se ti infastidiscono o no.
Non è raro dover ripetere l'intero processo una o più volte, poiché le allergie e le intolleranze alimentari cambieranno man mano che diventerai più sano.

Sfidando ma ne vale la pena

Una dieta di eliminazione può essere piuttosto impegnativa, in quanto è difficile evitare così tanti cibi che mangiamo ogni giorno. Lo sforzo, tuttavia, vale i risultati. Scoprire le allergie alimentari e le intolleranze alimentari porta a una salute più sana e ad una generale diminuzione o rimozione completa di molte condizioni della pelle.
Sei un individuo unico con una serie unica di allergie, intolleranze o sensibilità che possono o non possono cambiare nel tempo. Hai un unico complemento di geni, condizioni interne e condizioni ambientali, alcune delle quali sono in continua evoluzione. Molto spesso semplicemente rimuovendo il glutine e la caseina rigorosamente mentre si implementa una dieta di cibi integrali di qualità, pervasivamente vegetale, può essere adeguata per gestire o invertire la malattia della pelle e ottimizzare la salute totale.

Come aiutiamo

A FG, i nostri obiettivi sono di educare la cura della pelle cronica soffre di dermatologia, condividere ciò che contribuisce alla salute e benessere e sostenere i nostri lettori in ogni modo possibile. Produciamo e vendiamo due saponi nel nostro negozio che aiutano con una varietà di condizioni della pelle. 

Commenti

Post più popolari