Nutrirsi per vivere a lungo senza malattie è possibile


L'UMANITÀ È MALATA.MANGIAMO CIBI CHE NON SONO PIÙ NATURALI: SONO "BELLI" NELLA VISTA, MA SONO "CRESCIUTI" CON L'USO DI FERTILIZZANTI CHIMICI E PROTETTI DA MALATTIE CON TERRIBILI VELENI.





Questi alimenti che sono cresciuti troppo rapidamente non sono stati in grado di sviluppare la maggior parte dei nutrienti (vitamine e minerali, ma anche profumi direttamente proporzionali alla quantità di questi elementi essenziali) che sono indispensabili per il nostro sostentamento. L'80% di frutta e verdura, per raggiungere i mercati, percorre centinaia di chilometri. Il frutto deve essere bello, perfetto, lo stesso; la pasta è aromatizzata, deve avere «quello» sapore, quello del famoso marchio perché l'altro non gli piace, perché ha il sapore della farina. Il formaggio, possibilmente senza cotenna, deve essere "pulito", delicato, spalmabile, o già affettato, e quindi miele, dorato, omogeneo, liquido. Anche i prodotti che chiamiamo "artigiani" sono spesso fatti per ingannare e far credere che dietro il sapiente lavoro di antiche tradizioni, e invece sia solo una facciata, dietro c'è sempre il mondo industriale, artefatto e ingannevole. Ciò non significa che non si possa produrre industrialmente prodotti ricchi di sostanze nutritive, ma si dovrebbe abbreviare la catena di approvvigionamento dal produttore al consumatore e utilizzare solo prodotti biologici certificati.


Fortunatamente, sta accadendo un cambiamento, vieni presentato da Slow Food, che attirano l'attenzione e il successo. L'unica soluzione è consumare prodotti biologici semper più persone decidono di distaccarsi dalle cattive abitudini e di dedicarsi alla ricerca della qualità, perché è solo la qualità che può salvare la nostra economia e la nostra salute: spetta a noi migliorare la nostra cultura e prestiamo attenzione a ciò che mangiamo. È vero che questi prodotti costano di più, ma sarebbe sufficiente prestare più attenzione e non sprecare. I prodotti con più pesticidi sono: mele fragole uva uva sedano pesche spinaci peperoni nettarini cetrioli pomodori ciliegia piselli patate peperoncino peperoni verza cavolo Se, quando siamo nati, nostra madre ci nutre da almeno due anni, abbiamo probabilmente sviluppato tutte le difficoltà in crescita con l'ambiente circostante; sarebbe stato meglio continuare con l'allattamento, anche se intermittente, fino a tre anni. In realtà ciò avviene sempre meno per non scontrarsi con le abitudini consolidate e gli obblighi sociali, il lavoro, la casa, i bambini, ecc. Quindi dopo soli tre mesi iniziamo con la pappa (latte artificiale in laboratorio che manca completamente lo zuccheri, o glucoammina, del latte materno), quindi viene passato al latte vaccino, il latte delle mucche malate, e così il bambino viene "svezzato" , il che significa abituare il corpo ad altri alimenti. L'intestino di un prodotto non è in grado di assimilare cibo diverso dal latte materno perché morire, per questo creiamo questo latte artificiale che assomiglia per composizione a quello materno. In passato, se la madre non fosse latte o era morta, è passato da un'infermiera, che era una madre che ha fatto il suo bambino e altre madri.
Lo svezzamento avviene quando l'intestino inizia a maturare ed è pronto ad assimilare piccole quantità di cibo diverso; in seguito dovremmo continuare ad allattare il bambino almeno fino a due anni, anche una volta al giorno, ma per il consiglio sbagliato di alcuni pediatri continuiamo a dare il latte di un'altra "madre", quella della mucca. È lo stesso pediatra che ci consiglia: "Ora può dargli latte di mucca perché è ricco di calcio, di cui il bambino ha bisogno per crescere". Per fortuna non è sempre così e qualche medico che ti informa c'è ancora, ma nel frattempo quel bambino berrà latte che non è fatto per l'uomo, ma per un vitello che nell'arco di pochi mesi deve aumentare di quintali . I media stanno anche contribuendo a questa cultura, in particolare la televisione: avrete assistito a un talk show in cui i professori delle industrie pagano denigrando e deridendo coloro che portano avanti una cultura di corretta alimentazione. Perché il latte di mucca non è raccomandato Il latte specifico per le specie contiene non solo tutti i nutrienti in proporzioni ottimali per la crescita, ma anche sostanze enzimatiche e anticorpi che hanno la funzione di aumentare le difese immunitarie in un periodo della vita in cui un'infezione può avere conseguenze molto gravi. L'allattamento al seno come contatto con il corpo della madre ha anche una funzione di crescita e svezzamento mentale. Questo essere, che ha vissuto per nove mesi in simbiosi con sua madre come un solo corpo, deve gradualmente conquistare la sua indipendenza. L'allattamento al seno anche una volta al giorno dà al bambino un senso di sicurezza e protezione, significa scollegare gradualmente il cordone ombelicale. Anche nella pubertà, i bambini si sentono minacciati quando chiamano la madre e non il padre.
Dopo lo svezzamento, nessun mammifero continua a bere latte perché non è adatto a bambini e adulti; nemmeno quello della propria specie, perché i bisogni nutrizionali dell'adulto sono diversi da quelli del bambino. Il piccolo mammifero è in grado di vivere mangiando cibo per il quale la specie è biologicamente adatta. Inoltre, nessun mammifero, tranne l'uomo, consuma, in qualsiasi epoca della vita, il latte di un'altra specie.

 Nel caso dell'uomo, fin dai primi anni di vita il consumo di latte, in particolare della mucca, purtroppo è ancora considerato da molti fisiologico e raccomandabile, anche se il latte vaccino è molto diverso nella composizione rispetto al latte della donna, perché: ha troppe proteine ​​(36 g / l contro 9 g / l); ha un indice di caseina di 78 (contro 28 nel latte materno); ha poco lattosio (49 g / l contro 70 g / l); ha un rapporto grasso saturo / insaturo svantaggioso; ha troppi grassi saturi: 45% di latte umano, 75% di latte di mucca; ha pochi grassi insaturi: 55% di latte umano, 25% di latte di mucca; ha un'alta percentuale di calcio: 1170 mg / l (contro 340); ha un rapporto calcio / fosforo svantaggioso: 1,27: 1 (contro 2,35: 1 nel latte materno). Il fosforo è un calcio antagonista, al quale può legarsi nel tratto digestivo, impedendone l'assorbimento; oltre a non contribuire a una minima parte della nostra crescita ossea, questo calcio circolante nel sangue, specialmente negli adulti, può causare danni. contiene troppi minerali: 7 g / l contro 2 g / l. Pertanto, ogni mammifero deve bere il proprio latte e anche a questa regola deve adattarsi l'uomo. coloro che, sconsigliati, somministrano ai loro figli latte vaccino, possono causare loro problemi respiratori.
La conseguenza di questa errata alimentazione è quella delle malattie delle vie respiratorie, bronchiti, tonsilliti, tracheiti, sinusiti e otiti. Queste infiammazioni provocano la formazione di muco, quindi ci saranno problemi respiratori, asmatici, ecc. L'intolleranza al latte vaccino e le conseguenze respiratorie sono raramente prese in considerazione, quindi i bambini sfortunati sottoposti a chirurgia con rimozione di tonsille e adenoidi, che a causa dei problemi infiammatori dovuti all'intolleranza al latte non può più svolgere il proprio lavoro, con conseguenti frequenti episodi di tonsillite. Dopo l'operazione la situazione varia poco, con la differenza che queste ghiandole, la cui funzione è una barriera ai batteri, sono sparite. L'intolleranza al latte è più nota come intolleranza al lattosio, che è lo zucchero contenuto nel latte, ma continuo a chiamarla intolleranza al latte vaccino nella sua interezza di prodotto. Varia tra le diverse razze umane: le razze nere e gialle sono molto soggette, il Mediterraneo è soggetto ad esso, meno quello dei paesi nordici.

Commenti

Post più popolari